Al Mugello Yuri Menchetti rivelazione della R6

Una Yamaha R Series Cup in parte condizionata dal meteo quella che si é svolta nella giornata di oggi sul circuito del Mugello, in occasione del 4° round. La gara della R1 Akrapovic Cup si è corsa sotto l’acqua battente e ha visto trionfare il laziale Ugo Laudati che non è perà riuscito a scavalcare Daniel Brunelli dal gradino più alto della classifica generale.

Nella R6 Metzeler Cup invece i protagonisti del trofeo monomarca dei tre diapason si sono dati grande battaglia regalando anche in questo round adrenalina e colpi di scena sempre e comunque con grandissimo fairplay e rispetto delle regole. Il pilota 17enne del Mugello Yuri Menchetti è stata la grande rivelazione della giornata: dopo aver conquistato la pole ha difeso con i denti la prima posizione fino all’arrivo, lasciando a Paoloni, Agnelli, Caloroso e Mercandelli la lotta per la conquista dei gradini più bassi del podio. Il prossimo appuntamento con la Yamaha R Series Cup è per l’ 11 settembre a Vallelunga .

TV a Il round di Mugello di Yamaha R Series Cup 2011 andrà  in onda il 30 luglio alle ore 15.30 su Nuvolari TV (canale Sky 144 e Digitale Terrestre 222), all’interno della rubrica Nuvolarilive , uno speciale di circa 30 minuti che mostrerà  in versione integrale Gara A di R6 Metzeler Cup e gli highlights della R1 Akrapovic Cup e di Gara B di R6 Metzeler Cup. Presente in cabina di commento Giovanni Di Pillo , da anni simbolo televisivo delle due ruote.


R6 METZELER CUP a IL GIOVANE YURI MENCHETTI METTE TUTTI IN FILA
Giovane, giovanissimo il vincitore della gara A della R6 Metzeler Cup: talentuoso pilota 17enne del Mugello che finora non era mai riuscito ad emergere restando relegato nelle gare B del Campionato, Yuri Menchetti al Mugello ha dimostrato, a chi ancora avesse dubbi al riguardo, tutto il suo valore agonistico lasciandosi alle spalle piloti di ben maggiore esperienza. Alla partenza Andrea Agnelli, attuale leader della classifica generale, riesce a sorpassare il giovane Menchetti che perà riacquista subito la testa della gara e la mantiene saldamente fino alla fine. l’attenzione si sposta quindi per l’argento di gara in un duello che vede per protagonisti fin dalle prime curve Andrea Agnelli. Leonardo Biliotti, Kevin Caloroso e Danilo Paoloni.

Al primo giro la gara perde subito, per una caduta, uno dei protagonisti della R6 Metzeler Cup di quest’anno, il russo Sergey Vlasov, che fino a questo momento era riuscito ad ottenere dei buoni piazzamenti. Poco dopo la metà  gara è invece la volta di Leonardo Biliotti che causa una caduta in scivolata alla curva Scarperia-Palagio, abbandona i giochi per il podio.

Dal settimo giro Danilo Paoloni conquista definitivamente la seconda posizione mentre Andrea Agnelli e Kevin Caloroso iniziano a battagliare per salire sul gradino più basso del podio, battaglia questa che si concluderà  a favore di Agnelli che all’ultimo giro riesce ad avere la meglio su Caloroso.

La classifica vede ora Agnelli in prima posizione a 320 punti seguito da Caloroso a 78 punti di distacco e Paoloni a 96.

Nella Gara B della R6 Metzeler Cup il poliziotto Giuseppe Cannizzaro vince meritatamente dopo aver dato filo da torcere a Stefano Gambatesa. Partito dalla sesta posizione al termine del terzo giro Cannizzaro riesce ad agguantare il primo posto e a mantenerlo fino alla fine della gara resistendo strenuamente agli attacchi costanti di Gambatesa. Le prime due posizioni si stabilizzano ma resta aperta la lotta per il terzo posto che vede dapprima per protagonisti Daniele Veghini e Luca Savio poi, a partire da metà  gara, ne diventano protagonisti il Michele Cloroformio e il giovane Alfredo Galliani che alla fine riesce ad avere la meglio grazie anche al giro record di 2’00.405

Il vincitore, Yuri Menchetti: àˆ stato un weekend molto positivo, ho iniziato a correre quando avevo 5 anni nelle minimoto e dopo le prime gare un po’ sfortunate e nelle retrovie della Yamaha R Series Cup finalmente in questa occasione sono riuscito a riprendermi una bella rivincita proprio davanti al pubblico di casa!.

RISULTATI R6 (10 giri, km 52,450): 1. Menchetti in 19’56840; 2. Paoloni a 1487; 3. Agnelli a 3139; 4. Caloroso a 3224; 5. Mercandelli a 8734.

CLASSIFICA R6 DOPO QUATTRO ROUND: Agnelli p.ti 320; Caloroso 242; Paoloni 224; Poma 179; Biliotti 172.


R1 AKRAPOVIC CUP a VITTORIA DI LAUDATI MA DANIEL BRUNELLI SI CONFERMA LEADER DI CLASSIFICA
Gara ridotta a 8 giri a causa della pioggia per quella che si è comunque dimostrata una corsa molto combattuta, in particolare per i gradini più bassi del podio. Fin dall’inizio non c’è storia per la prima posizione: Andrea Manici (Eros Motor) in pole position, Massimiliano Brunelli (Leoni) secondo, Daniel Sanca (Perego) terzo e Daniel Brunelli (Leoni) quarto in griglia nulla hanno potuto contro il pilota laziale Ugo Laudati (Celestini), quinto in griglia grazie ad un tempo in qualifica di 1″57.528, che brucia tutti alla partenza e guadagna la testa del gruppo mantenendo saldamente il comando fino al termine della gara tagliando la linea del traguardo con un vantaggio di 3524 sul secondo dopo una cavalcata in solitaria.

Gara apertissima invece per il 2° e 3° posto che ha per protagonisti nei primi giri DiegoTocca (Celestini), Manici e Benato mentre Sanca (Perego), Daniel Brunelli e Roberto Iudica si contendono le posizioni centrali della classifica. A metà  gara tutto cambia perché Daniel Brunelli capisce di dover fare di tutto per mantenere la testa della classifica generale: dopo una rimonta strepitosa sorpassa prima Iudica, quinto, e Manici, quarto, poi inizia a duellare con Benato per il gradino più basso del podio e alla fine lo ottiene. Non sazio nel finale Brunelli supera anche Tocca riuscendo così a centrare la seconda posizione e, soprattutto, a mantenere la prima posizione in classifica generale con un margine di 9 punti da Ugo Laudati, secondo, e di 14 da Daniel Sanca, terzo. A due gare dalla conclusione della R Series Cup sono ancora matematicamente sette i piloti che potrebbero lottare per il vertice della classifica, anche se ormai sembra una sfida a tre tra Daniel Brunelli, Ugo Laudati e Daniel Sanca.

Il vincitore, Ugo Laudati, al termine della gara ha dichiarato: Quest’anno non ero ancora mai riuscito a salire sul gradino più alto del podio, dopo un secondo posto nella prima gara avevo ottenuto risultati altalenanti. E’ stata una grande soddisfazione per me vincere, anche se Brunelli è riuscito a limitare i danni ed è ancora il leader della classifica.

RISULTATI R1 (8 giri, km 41,960): 1. Laudati in 18’18949; 2. Brunelli a 3524; 3. Tocca a 4527; 4. Benato a 5861; 5. Iudica a 6003; Marchi a 6595

CLASSIFICA R1 DOPO TRE ROUND: Brunelli p.ti 85; Laudati 76; Sanca 71; Tocca 55; Manici 49.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI
Round 5 – 11 settembre 2011 – Vallelunga
Round 6 – 23 ottobre 2011 – Mugello

Fonte: Yamaha Press

Rispondi