ROLAND SANDS PORTA AVANTI LA STORIA DI ‘FASTER SONS’ CON UN NUOVO CONCEPT ISPIRATO ALLE DIRT TRACK DI KENNY ROBERTS

IL PROGETTO DI YAMAHA, INIZIATO CON SHINYA KIMURA, PROSEGUE CON “FASTER WASP”, STRAORDINARIO CONCEPT DEL CUSTOMIZER CALIFORNIANO DEDICATO AI LEGGENDARI MEZZI UTILIZZATI NEGLI ANNI ’70 DAL PILOTA AMERICANO.

Gerno di Lesmo (MB), 10 novembre 2015 – In molti lo avevano già intuito osservando attentamente il video teaser “The Challenge”, rilasciato lo scorso 2 novembre. Ciò che il leggendario bike maker giapponese Shinya Kimura ha iniziato, viene ora portato avanti da Roland Sands.

Il famoso customizer californiano, in questi ultimi mesi, ha collaborato ancora una volta con Yamaha, dando vita ad un nuovo ed entusiasmante capitolo della storia Faster Sons di Iwata. Sands abbraccia così la filosofia tre diapason, fatta di uno stile senza tempo abbinato a tecnologia di vertice, aggiungendo al formidabile mix un terzo elemento: l’heritage Racing di Yamaha grazie anche al suo passato da pilota professionista.

“Faster Wasp”, quinta Special nata dalla binomio Sands/Yamaha, è uno straordinario Concept che richiama volutamente, grazie alle linee del suo design, la mitica TZ750 da dirt track con l’inconfondibile livrea giallonera color “calabrone” con cui Kenny Roberts, negli anni settanta, impressionò il mondo intero.

Il risultato è un mezzo che non passa inosservato ed è in grado di lasciare il segno. Il suo pungiglione tecnologico sono le prestazioni debordanti, vestite da un look classico, con il più evoluto tre cilindri frontemarcia da 850cc e il leggero telaio in alluminio.

Tutto il carisma della filosofia costruttiva di Yamaha Sport Heritage sale così di livello, con una trasfusione di puro DNA Racing nelle sue vene meccaniche.

«Faster Sons rappresenta il rispetto verso tutto ciò che viene dal passato. La pulizia delle linee, la qualità dei materiali e la semplicità del design si mescolano e si integrano alla perfezione con le tecnologie più avanzate» sono le parole di Shun Miyazawa, Product Manager di Yamaha. «Roland, ancora una volta, ha fatto un fantastico lavoro con la sua ultima opera, rispettando la nostra filosofia persino nei minimi dettagli. Come il Concept di Shinya Kimura, anche “Faster Wasp” di Sands conferma nuovamente la validità della nostra direzione e della nostra filosofia costruttiva. Stiamo lavorando sulle Faster Sons del futuro e questo Concept ci aiuterà ad accelerare ancora il lancio dei prossimi modelli sul mercato».

«Il rapporto con Yamaha è nato molto tempo fa» commenta Roland Sands. «Correvo sulle TZ250 e sono salito in sella a molte Yamaha off-road. La nostra è una lunga storia. Quando vedo quello che il marchio giapponese ha fatto e gli obiettivi che si è posto, mi sento davvero ispirato. Abbiamo già realizzato alcune moto insieme. Questa tre cilindri è leggera e va davvero forte. Non è un modello da competizione, ma trasferisce il livello di prestazioni Racing in un mezzo facile da guidare. È grandioso perché c’è il divertimento e penso che una moto debba far divertire: “Faster Wasp” ha questa capacità ma, in più, offre prestazioni straordinarie. A questo nuovo Concept abbiamo lavorato sia io che Kenny Roberts, uno dei miei eroi, mettendo il nostro comune passato Racing e accoppiandolo con il motore a tre cilindri. È stato un progetto molto divertente e sono molto contento del risultato finale».

Su “Faster Wasp” sono presenti diverse parti realizzate dalla RSD – Roland Sands Designs, come il serbatoio in alluminio battuto a mano, il codone, le prese d’aria, la cover del radiatore, la tabella anteriore portanumero e il parafango anteriore. Numerosi anche i componenti “prototipi”, come il carterino Clarity della distribuzione, le pedane arretrate, il serbatoio del freno posteriore, le protezioni motore, il tendicatena, il tappo distribuzione, i tamponi mozzo e il tappo del serbatoio. La nuova Special di Sands utilizza cerchi forgiati in alluminio (17×3.5” anteriore e 17×6.0” posteriore) che montano gomme Dunlop Q3. La rombante colonna sonora del tre cilindri è merito dei collettori Two Bros Racing in acciaio e della marmitta RSD Slant. La potenza è trasferita alla ruota posteriore da pignone e corona Renthal e gli arresti decisi derivano da un impianto con rotori dei freni anteriori superbike RSD. Pinze radiali di Performance Machine, pompa radiale RSD e tubazioni Spiegler completano alla perfezione questa straordinaria Faster Sons. Il bracciale per frizione RSD e il cavo Barnett facilitano i cambi di marcia, mentre i riser per manubrio RSD Nostalgia, il manubrio Renthal FATbar e le manopole RSD Traction assicurano al pilota il pieno controllo del mezzo. Il kit cartuccia Öhlins per la forcella e l’ammortizzatore Öhlins permettono una guida reattiva e le tubazioni Samco per il radiatore aggiungono un livello di dettaglio Racing. Il look eccezionale di “Faster Wasp” risulta perfetto grazie a tutti i dettagli, dalla sella in pelle di Bitchin Seat Co. alla magnifica livrea giallo/nera di Airtrix e Cerakote di Specialized Coatings.

Rispondi